mercoledì 24 maggio 2017

Trump dal Papa, stretta di mano in Vaticano

Con Papa Francesco “abbiamo avuto un fantastico incontro, è una grande personalità”. Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in alcune brevi battute all’inizio del’incontro bilaterale con il premier Paolo Gentiloni a Villa Taverna. L’incontro a porte chiuse di Papa Francesco con Donald Trump è durato trenta minuti, durata normale per una udienza papale ad un capo di Stato. 

Tuttavia con il predecessore di Trump alla Casa bianca, nel 2014, Jorge Mario Bergoglio si era intrattenuto 50 minuti, stessa durata dell’udienza concessa nel 2015 al presidente russo Vladimir Putin. Con l’anziano Fidel Castro, che il Papa è andato a trovare a casa sua quando era in visita a Cuba, Jorge Mario Bergoglio si è fermato 30-40 minuti, mentre 30 minuti era durata l’udienza non preannunciata che Francesco ha concesso al presidente Nicolas Maduro, già nel pieno della incertezza politica venezuelana, che l’anno scorso ha fatto scalo a Roma durante un suo viaggio internazionale solo per incontrare il Pontefice. 

Il Papa ha regalato a Trump tre documenti magisteriali che regala a ogni capo di Stato (Amoris laetitia, Evangeli Gaudium, Laudato si) e in più il suo messaggio della pace, dedicato quest’anno alla non violenza e un tradizionale medaglione del pontificato che raffigura un ulivo, simbolo di pace. “Non dimenticherò quello che lei mi ha detto”: così Donald si è accomiatato dal Papa, tra strette di mano e l’accenno di un sorriso con le sopracciglia alzate. I due uomini si sono lasciati con “good luck”, “buena suerte”, buona fortuna.

.

Addio Roger Moore, il James Bond più longevo

Addio allo 007 più longevo del cinema. L'attore Roger Moore è morto in Svizzera ad 89 anni, dopo ''una breve e coraggiosa battaglia contro il cancro'', ha confermato la sua famiglia. A renderlo noto un comunicato su Twitter. L'attore britannico, nato nel 1927, è stato il terzo interprete (dopo Sean Connery e George Lazenby) della saga James Bond (dal 1973 con Agente 007 - Vivi e lascia morire a Bersaglio mobile del 1985) e con un totale di 7 film anche lo 007 più longevo.

Agli inizi della carriera è stato infatti Ivanhoe in una serie di telefilm della durata di mezz'ora. In seguito ha interpretato il Santo, popolare eroe dei gialli di Leslie Charteris, ruolo che l'ha occupato per cinque anni per un totale di oltre cento episodi,, in cui interpretava il ladro gentiluomo Simon Templar. Infine, poco prima di raccogliere l'eredità di Sean Connery nei film di 007, ha diviso con Tony Curtis gli allori di un altro celebre ciclo avventuroso, Attenti a quei due.


.

lunedì 22 maggio 2017

Istat: Pil a +1% nel 2017, si consolida il recupero avviato nel 2015

Nel 2017 si prevede un aumento del prodotto interno lordo pari all’1% in termini reali. Lo comunica l’Istat nel suo report sulle prospettive per l’economia italiana precisando che il tasso di crescita è lievemente superiore a quello registrato nel 2016 (+0,9%). 

Nel primo trimestre del 2017, si legge, “il Pil ha registrato un ulteriore miglioramento (+0,2% la variazione congiunturale, +0,5 quella dell’area euro), consolidando in tal modo la fase di recupero avviata agli inizi del 2015”. Resta però che la “diversa intensità della crescita rispetto a quella dell’area euro costituisce una caratteristica dell’attuale ciclo economico”. 

Prendendo come riferimento il primo trimestre del 2015, il livello del Pil italiano è cresciuto dell’1,9% nei primi tre mesi del 2017. Nello stesso periodo il Pil dell’area euro è aumentato del 3,5%. Tra i principali paesi europei solo la Francia ha mostrato miglioramenti simili a quelli italiani (+2,1%).

.

Ucciso a Palermo il boss Giuseppe Dainotti

La mafia torna a sparare a Palermo. Il boss Giuseppe Dainotti è stato ucciso a colpi di pistola stamani in via D’Ossuna, nel quartiere Zisa, a poche centinaia di metri dal tribunale. Sul posto sono giunte alcune volanti della polizia e gli uomini della Scientifica per effettuare i rilievi. 

Secondo le prime ricostruzioni, la vittima sarebbe stata affiancata mentre era in bicicletta da due uomini in moto che gli avrebbero esploso contro diversi colpi di pistola. Storico boss palermitano, Dainotti era stato condannato all’ergastolo per omicidi commessi negli anni ’80, ma era stato scarcerato tre anni fa dopo aver scontato 30 anni.

.

sabato 20 maggio 2017

Magnete italiano apre la strada alla fusione nucleare

E' stato costruito in Italia il primo magnete del più grande reattore sperimentale del mondo, Iter, ideato per dimostrare la possibilità di produrre energia dalla fusione nucleare, il sogno dell'energia pulita.  Il magnete supertecnologico, costruito nello stabilimento della Asg Superconductors di La Spezia, è il più sofisticato al mondo. Altro 14 metri e largo 9, pesante 300 tonnellate, come un Boeing 747, ha la forma di una grande D maiuscola ed è il primo dei 18 magneti che costituiranno il cuore del reattore Iter in costruzione nella Francia meridionale, a Caradache. In Italia ne saranno prodotti 9, più 1 di ricambio, e altrettanti in Giappone.

Iter (International Thermonuclear Experimental Reactor) è un progetto internazionale nato per accompagnare il percorso dalla fase sperimentale della ricerca sulla fusione nucleare alla possibilità effettiva di produrre elettricità su larga scala con centrali a fusione. Vi partecipano Unione Europea, Giappone, Stati Uniti, Russia, India, Cina e Corea del Sud, per un totale di 3.500 ricercatori di 140 istituti di ricerca di 35 Paesi

Nel 2025 la prima sperimentazione della fusione nucleare, con il reattore Iter. La conferma arriva dal direttore generale del progetto Iter, Bernard Bigot. "Quando abbiamo iniziato il progetto c'era grande entusiasmo - ha detto a margine della presentazione del primo magnete nello stabilimento Asg- e i 35 Paesi coinvolti avevano fissato la scadenza al 2017 per l'accensione del plasma.

L'Italia  è in pole position nella corsa alla fusione nucleare, con la tecnologia per il reattore Iter e per il contributo economico al progetto, con un ritorno decisamente in attivo. "Si calcola che l'Italia abbia contribuito per il 12%-13% ai 6,6 miliardi di euro stanziati finora dall'Unione Europea e che abbia recuperato un miliardo in commesse che ad ora riguardano il 55% del budget tecnologico previsto", ha detto il direttore del dipartimento Fusione nucleare dell'Enea, Aldo Pizzuto. 

.

giovedì 18 maggio 2017

Juventus Lazio 2-0, Coppa Italia ai bianconeri: verso il triplete.

La Juventus vince per la 12/a volta la Coppa Italia, terza di seguito (un record), battendo 2-0 la Lazio nella finale giocata all'Olimpico di Roma. Partita già decisa nel primo tempo: dopo un palo di Keita al 6', la Juve è andata in vantaggio al 12' con Dani Alves che insacca al volo di piatto destro dopo un lancio dalla sinistra di Alex Sandro. Al 18' Dybala va al tiro, Strakosha respinge e poi dice di no alla successiva conclusione di Higuain. 

Il raddoppio bianconero arriva al 25': corner dalla sinistra di Dybala, Alex Sandro prolunga di testa, facile il tocco ravvicinato di Bonucci. La Lazio si fa vedere al 32' con un colpo di testa di Immobile. Al 53' il neoentrato Felipe Anderson impegna Neto che mette in calcio d'angolo. Higuain va vicino al 3-0 al 71', salva Biglia. La Lazio si rende pericolosa con Immobile e nel finale Strakosha salva ancora su Higuain. 

Per la Juventus è il primo passo verso il triplete.

.